A munnizza du Fiegu - San Fili by Pietro Perri

Vai ai contenuti

Menu principale:

A munnizza du Fiegu

Cultura semidialettale
A munnizza du Fiegu - simu gente perbene.
di Pietro Perri
articolo pubblicato sul quindicinale "l'occhio" nel 2000.
*   *   *
Ci sono temi che sarebbe meglio non trattare, specie su un giornale per famiglie come il nostro quindicinale. Sono temi che però, malgrado l'ambiguità che serpeggia spregiudicatamente trionfante nella società di cui facciamo parte, ci colpiscono violentemente, giorno dopo giorno, nel nostro intimo.
Sono temi che spesso ascoltiamo in televisione e commentiamo i fatti ad essi collegati come se gli stessi non facessero parte della nostra quotidianità: violenza sui minori (psicologica e sessuale), criminalità di bassa lega e criminalità organizzata, pizzo e tangentopoli, lavoro nero (magari con datori di lavoro che fanno firmare una busta paga al lavoratore dando allo stesso un salario opportunamente decurtato… sotto la minaccia del licenziamento), annullamento dei più elementari diritti quali quello all'istruzione (dubito che i bambini ai semafori frequentino regolarmente la scuola… e tali bambini non sono solo a Milano), dramma dell'immigrazione dai paesi dell'Est, abuso ed interessi privati in atti d'ufficio, prostituzione e via dicendo.
E' possibile che San Fili sia veramente immune da tali mali, per non dire cancrene?
E' possibile che, per dirne una, il problema della prostituzione in Italia si stato veramente e definitivamente risolto con l'approvazione della legge Merlini? … e possibile che siamo tutti diventati ciechi da non renderci conto di quello che avviene intorno a noi o che tutti ormai siamo diventati così marci da far finta che tutto, nella nostra marcia società, vada bene?
 
Addruve na vota i Santufilisi jettavanu a lordura, / addruve supra e trote du jume si trovavanu  cistuni 'e fungi, / ara trempa du Fiegu ppe ni capire miagliu, / 'nta sti juarni m'è capitatu de vide nu fattu assai stranu: / nun c'era chiu sporcizia, vu dicu 'ncunfidenza, né bruttura, / ma quannu una, quannu due e quannu tri stelle, / stavanu ad adducere u sul'e  mianzijuarnu.
 
Parlannu ccu l'amici de su mmualicu assai curiusu, / forse voliannumi fa passare ppe scemu senza cc'esse… / m'hannu dittu, e mi volianu cunvince puru, ca strolachjiava, / c'avia pigliatu nu gruassu madornale abbagliu: / eni u veru c'aru Fiegu un ce jettamu chiju spazzatura, / ma chiru chi c'è remastu e chiru chi ce vene de nuavu, / un po' esse certu amure… po' esse sulu lordura. 
 
Mi vriguagnu quannu giru de stu postu cu ra machina, / mi vriguagnu de mi sente e de mi chiama'  Cristianu, / sapiannu c'ara fine, riflessu miu… cristianu nun ce sugnu, / cce passare ppe lavuru de su postu, e l'uacchi su fatti ppe guardare, / na vota a munnizza du Fiegu era chira di santufilisi, / oji vene d'ortremare, oji nun puzza mancu a nu nasu sopraffinu, / ma si tenissimu nu pocu de cuscienza… sa brutta storia ni facissi chjiangere lu core cu dulure.
 
Volevano essere dei versi… ma non si possono scrivere poesie quando si ha tanta rabbia in corpo. Non me la sono sentita neanche di scrivere in italiano su questo tema, ma non ho potuto fare a meno di scrivere qualcosa in merito.
E' mai possibile che dalla curva del Fiego a San Fili, da Villa Miceli o dai semafori dell'incrocio nei pressi dell'Università a Rende… ci passi solo io? … e mai possibile che le Istituzioni per intervenire su un determinato problema debbano per forza aspettare che qualcuno denunci ufficialmente quello che gli brucia sotto il naso o che gli si sbatte quotidianamente nelle pupille degli occhi?
Cari lettori, se ci rendiamo conto che il nostro vicino è un appestato, non autoconvinciamoci d'essere immuni dal contagio né limitiamoci a segnalare il caso all'inquisitore di turno… aiutiamolo a guarire dal suo male… affinché il suo male (su cui avevamo riso e dal quale avevano tratto parte del nostro infimo piacere) non colpisca anche noi e finalmente non ci renda coscienti della nostra umana limitatezza. 
Torna ai contenuti | Torna al menu