L'acqua vrusciata du mulinu - San Fili by Pietro Perri

Vai ai contenuti

Menu principale:

L'acqua vrusciata du mulinu

C'era una volta San Fili
di Pietro Perri
 
*   *   *
 
Chin'ha vrusciatu l'acqua aru mulinu?
 
 
Se l'Olanda, più che per i tulipani, è diventata famosa in tutto il mondo per i suoi caratteristici mulini a vento, a pieno titolo San Fili potrebbe diventare altrettanto famoso per i suoi mulini ad acqua.
 
Non solo lungo il torrente Emoli ma anche nei pressi dei corsi d'acqua della frazione Bucita si possono ancora ammirare i resti dei mulini ad acqua che imperavano sull'intero territorio sanfilese.
 
Tutti ancora riportanti i nomi degli antichi proprietari (Custantinu, Filibertu, Crispini ecc.) e solo in pochissimi casi nomi legati a fantastici racconti di cui si è ormai persa ogni traccia nella memoria dei sanfilesi (u mulinu de fate).
 
Tra l'altro una zona di San Fili indicata agli avventori con più nomi ("u Curciu 'e Catalanu", "la villa degli emigranti", "a scis'e jumiceddre" ecc.), tra gli stessi annovera quello de "u chianu di mulini" (ad evidenziare la notevole presenza di un tempo di tali fabbricati produttivi nella zona medesima).
 
Ma la domanda base di quest'articolo è la seguente: come mai non si valorizza adeguatamente questo patrimonio storico del nostro paesino?
 
... o più precisamente: come mai i mulini di San Fili, in ogni senso, non lavorano più?
 
... o, ancor meglio: chine ha vrusciatu l'acqua ari mulini 'e Santu Fili?
 
Proprio così, perché volenti o nolenti, non ci si può non accorgerci, e magari far finta di niente, che acqua ai mulini (necessaria a dar vita all'ingranaggio che faceva muovere le grosse ruote in pietra che avrebbero trasformato il grano in farina) ormai non ce ne arriva da tantissimo tempo.
 
Una domanda questa che più volte mi ero posto da fanciullo, specie quando (presumibilmente non raggiungevo l'età dei sei anni) qualche scellerato molto più grande di me davanti al bar dell'amico Gigetto Sammarco, richiamando l'attenzione di tanti suoi coetanei, mi accusava senza ritegno d'avermi visto "vrusciare l'acqua aru mulinu 'e Filibertu a Vucita".
 
Inutile dire che io non c'entravo niente (e non c'entravo niente davvero), ad uno ad uno più d'una persona finiva per giurare d'avermi visto nei pressi del mulino di Bucita (un mulino di cui io, tra l'altro, ignoravo persino l'esistenza).
 
Qualche tempo dopo, non so per quale ricorrenza religiosa (forse per l'Addolorata, o per San Biagio o per Santa Lucia) mi capitò d'andare con i miei a piedi alla frazione. Non so se fosse stata mia madre o se fosse stato mio padre ad indicarmi quello che un tempo fu il mitico mulino ad acqua di Filiberto.
 
Guardai nel canale... ed effettivamente acqua all'interno non ne scorreva: qualcuno, ma ve l'assicuro non sono stato io, aveva effettivamente "vrusciatu l'acqua aru mulinu"!
 
Che azione ignobile, che danno per l'intera comunità: perché qualcuno s'è divertito a fare ciò? Perché i carabinieri all'epoca non hanno fatto doverose indagini in merito? Perché questo lestofante doveva farla franca e perché innocenti come il sottoscritto dovevano essere accusati senza ragione d'una azione tanto vile?
 
Ne sono passati anni da quel triste giorno. Eppure ancora oggi nel rivedere di tanto in tanto il volto del mio primo accusatore, non posso fare a meno di provare un po' di disgusto nei suoi confronti.
 
Sarebbe bello che i mulini di San Fili tornassero in vita, che l'acqua tornasse a far muovere i loro magici ingranaggi. Sarebbe bello e, a parere di un ignorante in materia, potrebbe essere un modo come un altro per rilanciare turisticamente il nostro paesino: la città dei mulini ad acqua.
 
Ma questa volta, vi prego, se va in porto il progetto: mettete del personale a guardia dell'acqua dei mulini... non sarebbe giusto che qualche altro vandalo senza cuore si divertisse a bruciarla di nuovo (ridando magari la colpa al sottoscritto).
San Fili - Frazione Bucita: resti del mulino di Filiberto (o dei Cribari). Foto Pietro Perri.
San Fili - Frazione Bucita: i resti del mulino di Filiberto (o dei Cribari) sotto la coltre di neve. Foto Pietro Perri.
Torna ai contenuti | Torna al menu