U Mommarutu - San Fili by Pietro Perri

Vai ai contenuti

Menu principale:

U Mommarutu

Leggende sanfilesi
… attientu, ca ddra aju vistu u Mommarutu!
*     *     *
“Attientu, Petru’, ca ddra aju vistu u Mommarutu!”
“Ohi ma’, ma cchi d’eni u Mommarutu”
“Figlici’, è na cosa brutta veramente. E’ na cosa ca si ti piglia… ti piglia e si finitu. Nun ce jire de chira parte, mi raccumannu!”
“Ohi ma’, ma… cum’eni?”
“Eni bruttu assai, figlici’, eni gruossu e nivuru ccu dui uocchi russi cumu tizzuni accesi ’ntra vrascera e spanticati. Tene na vucca ca sa rape ti ngnuce sanu sanu e porta nu mantellu ’ncuoddru cu nu cappucciu chi c’ammuccia a menza faccia. E tene e manu ccu certe ugnia chi nun prumintenu nente de buonu…”
“Ohi ma’, ma… fuossi a morte? … magari porta puru supra e spaddre na favuce ppe tagliare a capu ara gente?”
“… nooo, fliglici’, unn’eni a morte… ma ppe certe cose l’assumiglia nu pocu. U Mommarutu stani sempre ’ntru buju e quannu ti vide sulu ti zumpa davanti e fa nu bruttu viersu chi già chistu ti distrugge ppe sempre. Ti fa gelare u sangu. Io na nota l’aju vistu e de tannu nun mu puozzu dimenticare cchiju!”
“… nu bruttu viersi, e cum’eni su bruttu viersu… ma’?”
Breve pausa nel dialogo, dopodichè...
“…. mmuuuuuuuuuuuuu!”
… non era mia madre. Il volto di mia madre di botto s’era sbiancato. Leggevo il terrore nei suoi occhi e nei suoi occhi notavo uno strano riflesso: l’immagine che mi ero appena creato nella mia mente potevo toccarla per mano nelle pupille di mia madre.
Mi volto di scatto e…. Aaaaarghhhh! … di fronte a me c’era nientepopodimeno che… u Mommarutu.
* * *
Chi è “u Mommarutu”? … è un altro di quegli esseri fantastici che fino a qualche decennio addietro hanno caratterizzato il mondo (decisamente orribile) dei bambini sanfilesi. Tale essere comunque lo ritroviamo nella tradizione folcloristica non solo sanfilese ma di gran parte del meridione d’Italia e, con alcune varianti, in tantissime altre popolazioni sparse per il mondo.
U Mommarutu”, tra l’altro segnalato anche da Vincenzo Dorsa nel suo libro “la tradizione greco-latina negli usi e nelle credenze popolari della Calabria citeriore”, prende alcune caratteristiche di tanti altri “spauracchi” per bambini discoli o troppo vivaci.
Può essere infatti assimilato all’uomo nero, all’orco o a qualche demone particolarmente amante del buio. Insomma può essere assimilato ad esseri scomparsi da tempo o da tempo finiti nelle mani di esperti disegnatori di cartoni animati.
Torna ai contenuti | Torna al menu