U tiliu - San Fili by Pietro Perri

Vai ai contenuti

Menu principale:

U tiliu

Leggende sanfilesi
di Pietro Perri - inedito
*     *     *
Come se non bastasse la nutrita schiera di streghe, orchi, fantasmi, spiriti maligni e/o giocherelloni che governavano il fantastico mondo sanfilese...a creare grossi problemi esistenziali ai fanciulli (e non solo) del nostro stupendo paesino si ci metteva di mezzo (ai bei tempi che furono) anche un terribile rettile, dalle forme gigantesche, che girava, vergognosamente impunito, nel territorio dei Cozzi.
Tremate gente, tremate quando v'incamminate solinghi per i Cozzi, magari in cerca di funghi... magari semplicemente per una salubre passeggiata: u Tiliu è in agguato e forse sta aspettando proprio voi.

"U Tiliu? ... e chi d'eni u Tiliu?".

"... è nu serpente gigante?".

"E quantu è granne?".

"... tantu e forse puru cchiu'!" (facendo una apposito gesto con le braccia divaricate al massimo).

"E tu l'ha vistu?".

"... iu nun le vistu... ma l'hannu vistu in tanti! ... e spieru d'un nu vide mai! ... ca u patre de Francuzzu a cimminera, pe ru vide na decina d'anni fa... dicic'ancora sta fujiannu da paura e addruve passa si sente puzza de mmerda".

"Chi culure tene?".

"... giallu, 'ncunu dice che puru virde!".

"E ci la fa' a si mangia' ad unu de nui?".

"... si si mangia a na vacca 'nta nu vuccune, pensa a mie e a tie misi assiemi... mancu ppe sicce pulizza a vucca!".

"E cumu cc'eni venutu supra i Cuozzi?".

"... dicich'eni fujutu a nu circu e nun l'hannu potutu trovare cchiu!".

"E unnu ponnu ammazza?".

"... si riescissinu aru trovare. Ma iddru eni furbu, mica eni fissa: de juornu s'ammuccia 'nta tana ed esce sulu quannu adde mangiare. E pue camina sempre 'nti filici e 'nte frasche, mai aru scupiertu. Chine l'ha vistu, l'ha vistu ppe sbagliu!".

"E fin'a mmo s'ani mangiatu a 'ncunu?".

"... a storia unne cunta, ma si tieni curaggiu... va ti fa na caminata de sulu si Cuozzi Cuozzi, magari 'nti perrupi de Timpe Russe... ca si si fortunatu, mi cunti tu veramente cumu è fattu... u Tiliu de Santu Fili!".

* * *
Forse la storia de "u Tiliu" è la meno vera di quelle che si raccontavano fino a qualche decennio addietro a San Fili, ma, seppure in tono minore, meritava di essere citata. Questo strano essere (un grande serpente molto più grande di circonferenza di un boa, un pitone ed una anaconda messi assieme... non parliamo poi della lunghezza!) infatti rientrava a far parte a pieno titolo delle nostre paure infantili.
Quando si seguiva i nostri genitori per i Cozzi in cerca di funghi, bastava un minimo rumore per farci saltare il cuore in gola... "u Tiliu" poteva essere in agguato e magari aspettava proprio noi per farsi un piccolo provvidenziale spuntino.
Oggi nessuno parla più "du Tiliu" a San Fili, così come non si parla da tempo di tanti altri fantastici mostri o esseri sovrannaturali del nostro più o meno recente passato. Forse "u Tiliu" è morto e forse proprio per questo ha cessato di far parlare di se con le sue periodiche apparizioni... o forse i mostri non sono più quelli di una volta, che seppure avevano aspetti per niente umani (lupi mannari ecc.) ... erano certamente meno mostri dei mostri di adesso (pedofili e company).
San Fili 2005 visto da "u 'ncinu" (Foto Pietro Perri). Alle spalle del paese i famosi "Cozzi". Il terribile "tiliu" dovrebbe annidarsi in quella zona.
Torna ai contenuti | Torna al menu