Enrico Granata - San Fili by Pietro Perri

Vai ai contenuti

Menu principale:

Enrico Granata

Storia e non solo
Un illustre sanfilese a cent'anni dalla sua morte.
di Pietro Perri.
Pubblicato sul quindicinale "l'occhio" nel 2000.
*   *   *
Il 13 marzo del 1900, esattamente cento anni orsono, San Fili dava l'ultimo saluto ad uno dei personaggi, figlio di questa strana e crudele "patria" sempre pronta a rinnegare i suoi profeti, che più di tanti altri ne hanno onorato il nome e ne hanno reso perenne il ricordo: Enrico Granata.
Ad Enrico Granata era dedicato l'omonimo circolo culturale che per tanti anni, e fino a pochi lustri addietro, ha raccolto al suo interno l'élite culturale sanfilese. Da parte nostra, locale redazione de "l'occhio", sperando di far cosa gradita ai nostri lettori, proponiamo una breve biografia, redatta dal prof. Francesco Cesario e pubblicata sul bollettino di agosto 1980 del "San Fili Fraternity Club of Westchester, inc.", di quest'illustre personaggio:
 
"Nato a Cosenza il 16 aprile 1827 da Francesco e da Maria Giuseppa Veltri famiglia oriunda sanfilese, fece i primi studi con un colto prete del paese e li continuò nel seminario di Bisignano e quindi di Cosenza.
Compiuti gli studi classici, per imposizione paterna, s’iscrisse alla facoltà di medicina e chirurgia a Napoli. Discepolo prediletto di Pietro Ramaglia e di Ferdinando Palasciano.
Appena conseguita la laurea aprì nella stessa Napoli una scuola privata di medicina, ma per ragioni di salute fu costretto a ritornare all’aria balsamica dei monti calabresi.
A Cosenza ritrovò i vecchi compagni di studio e con loro prese parte alle lotte della scienza fondando giornali scientifici, gabinetti di osservazione. Fu liberale convinto ed unitario fervente. Il 13 marzo 1900 nella modesta casa di San Fili, ove da tempo si era ritirato a vita quieta, tranquillo moriva.
Fu artista e poeta in tutti gli atti della sua vita; negli affetti familiari, nel culto dell’amicizia, nell’amore del loco natio, nell’esercizio della sua professione che fu per lui un vero apostolato.
Chirurgo esperto era valorosissimo in Patologia e clinica medica. I vari scritti e le monografie scientifiche dimostrano il suo sapere. Fra gli scritti inediti si ricorda la traduzione delle opere postume del Cotugno, che egli in una lettera al Bartolini, pensava di pubblicare nel 1864. Fra le edite: -
Il Piccolo Comune e la Ministeriale, firmate Morava; - Il colera e il chinismo, importantissimo perché in esso si rispecchia il momento storico che allora attraversava lo scibile medico che aveva i primi fremiti delle nuove scoperte.
Quest’ultima pubblicazione trovò il plauso dei migliori uomini del tempo: dal Ramaglia al Villanova, dal De Martino al Semmola. Il Granata ebbe per questa pubblicazione nel giornale scientifico del tempo, “Il Tommaso Cornelio”, le congratulazioni del celebre clinico Buongiorno de Palma.
Notevoli, apprezzati ed ispirati a sana critica riuscirono gli articoli che il Granata pubblicò nel 1884 sull’Avanguardia (giornale cosentino diretto da Domenico Bianchi), sull’intendimento del Ministro dell’Interno di aprire le porte ai Comuni del Regno al colera, non risparmiando alla ministeriale Morava il suo sarcasmo di igienista e sociologo.
Nel 1885 pubblicò sullo stesso giornale in una serie di numeri “
Il Decamerone scientifico letterario”, o meglio, le scorrerie notturne di una serpe e riflessioni sull’istinto, che sono come un romanzo scientifico, dove è trasfusa in grande e concettosa armonia la sua vasta erudizione.
Naturalista, dell'Anatomia comparata alla Fisiologia, dall'Embrogenia alla Biologia, con osservazioni originali. E' ritenuto il migliore e più poderoso lavoro ch'egli abbia concepito. Ai saggi scientifici di poesia del Granata si accompagnano quelli di pittura, bozzetti drammatici, commedie ecc.
San Fili per opera del Granata ebbe un teatro filodrammatico. Rimane il solo titolo di una azione drammatica in due quadri: "Ubaldo Giannini e il maestro di scherma"
(…).
 
Inutile dire che di quest'illustre sanfilese, sorte non certamente diversa da quella capitata ad altri meritevoli compaesani, si sta via via perdendo il ricordo: non una strada, non una piazza intestata, non  un edificio pubblico… si vede che i locali dotti e politici hanno ben altro a cui pensare.
Aldilà delle polemiche di rito, non sarebbe male riaprire quello che fu lo storico "Circolo Enrico Granata" di San Fili, un luogo che, grazie a personaggi del calibro del prof. Goffredo Iusi, per tanti anni è riuscito ad imporsi all'attenzione della comunità culturale dell'intera provincia di Cosenza. 
Torna ai contenuti | Torna al menu