I barbieri di San Fili - San Fili by Pietro Perri

Vai ai contenuti

Menu principale:

I barbieri di San Fili

Artigianarto e Commercio
I barbieri… di San Fili.
 
... (omissis).
Questa volta voglio parlare dei barbieri (quelli storici) che hanno fatto sfoggio dei loro magici arnesi a San Fili tra gli anni Cinquanta e gli anni Sessanta.
Il mestiere di barbiere, diciamolo a scanso di equivoci, è sempre stata un’arte e non raramente i verbi tagliare e rasare sono andati a braccetto con i sostantivi igiene e salute.
Nei bei tempi che furono, infatti, quando San Fili contava cinquemila abitanti (intorno agli anni cinquanta) non raramente una bella rasata risolveva tanti fastidiosissimi problemi sulle teste dei nostri bambini.
Gli anni cinquanta: gli anni dei mastru Sarvature Ruffolo (maestru da spazzola che aveva il proprio salone ‘mmianzu u puantu), Giovanni Parrinelli (di fronte al vecchio municipio), Davide de ‘Gnaziu (in via Destre), Noe (di fianco al negozio dei Calomeni sempre ‘mmianzu u puontu), ‘Ntonu de Milieddra ‘a monaca (aru Spiritu Santu), Martino Lombardo l’allievo d’Oscarinu Cosenza (‘mmianzu u puantu) Vittorio Blasi (a San Giovanni) e Michele Gentile (di fianco alla Chiesa del Carmine).
Oggi, di tutta una serie di maestri delle forbici storiche di San Fili, possiamo ancora scambiare qualche parola con gli amici Michele Leo, Mario Storino e Franco Napolitano
Quest’ultimo, Franco Napolitano ovvero mastru Francu de Focu, è l’unico rimasto ancora in piena attività, dopo trentacinque anni,  nel suo salone di Piazza San Giovanni, ed è proprio nel suo salone che ho preso parte degli appunti che hanno dato vita al presente articolo.
Il taglio di capelli che andavano più di moda negli anni cinquanta e sessanta era di fatto il taglio a “spazzola” o “all’Umberto”, seguito a ruota dal taglio a zero (“cozza munnata fatta ‘ccu ru rasuaiu”). Si facevano molte barbe e gli shampoo erano praticamente sconosciuti (non tutti i saloni avevano all’epoca l’acqua corrente dentro).
Per aprire un salone, come ci dice lo stesso Franco Napolitano, bastava decisamente poco: una sedia, uno specchio, un rasoio, un pettine ed un paio di forbici. A questi attrezzi vi si aggiungevano in seguito la pietra per la molatura dei rasoi e la “strappa” (particolare cinghia di cuoio appesa al muro che serviva per l’affilettatura dei rasoi stessi). Molto più tardi farà la sua comparsa anche la famosa “macchinetta manuale a molla”.
Il mestiere dei barbieri a San Fili oggi si è praticamente perso: se si esclude il salone di Franco Napolitano, infatti, a San Fili troviamo un altro solo salone (di fronte alla Caserma dei Carabinieri) che comunque, pur essendo gestito da un bravo giovane, comunque non è gestito da un sanfilese. In compenso hanno fatto la comparsa per corso XX settembre anche i primi saloni per signora.
… ed hanno fatto la loro comparsa anche le prime macchinette per tagliare i capelli elettriche che seppure evitano perdite di tempo (quand’ero bambino ricordo che a volte quasi mi ci prendeva il sonno sullo sgabello nel salone de mastru Maruzzu Storino) ed errori del tipo “tagli a scalinata”, comunque fanno perdere buona parte della poesia intrinseca nell’operazione del taglio dei capelli col solo mezzo di un paio di forbici e di un pettine. 
Una volta il salone dei barbieri a San Fili era anche e soprattutto, per i nostri giovani, una scuola d’arte (dove chi voleva poteva imparare un mestiere) e di educazione…(omissis).
*     *     *
I barbieri… di San Fili (2).
 
Fino agli anni sessanta inoltrati l’artigianato (con le sue varie botteghe, saloni ecc.) a San Fili era decisamente fiorente.
Le botteghe ed i saloni degli artigiani, non a caso qualificati a pieno titolo “maestri”, erano tra l’altro un’ottima scuola per le giovani leve non solo di un prezioso mestiere (per la serie “impara l’arte e mettila da parte”) ma anche e soprattutto una scuola di vita.
Alla base di una società priva di tante cose, difatti, non poteva che essere al primo posto l’educazione, l’onestà ed il rispetto che una persona doveva avere verso un’altra persona e verso se stesso.
I saloni dei tanti barbieri presenti a San Fili in quegli anni adempievano perfettamente a tale scopo. Il mestiere di “barbiere” s’imparava direttamente sul campo di battaglia e il “maestro barbiere” finiva di fatto per completare l’istruzione che la mattina avevano iniziato gli insegnanti sui banchi di scuola.
Si trattava, di fatto, di un vero e proprio “doposcuola”: erano gli stessi genitori che portavano i propri figli al salone e pregavano il barbiere di “tenerselo a scuola” sia per togliere i propri figli dal pericoloso mondo della strada (sicuramente meno pericoloso di oggi) e sia con la lontana speranza che il figlio si appassionasse a quel mestiere e non finisse, come il padre, a lavorare la terra sotto padroni o a cercare di sbarcare il lunario in mille ed uno altri modi.
“… e si fa’ u cretinu, nu paru de scaffi dunaticceli puru ‘ccu  ru permessu miu!”, era l’ultima frase che il genitore diceva al barbiere nel momento in cui si apprestava ad uscire dal salone.
Nel salone s’aggiravano non meno di cinque o sei “discepoli” del “maestro barbiere”, tutti pronti a scattare quando un cliente entrava nel salone, ossequiosi e riverenti, tutti pronti a scattare quando il cliente usciva dal salone, sempre ossequiosi e riverenti.
Prima si doveva fare un lungo tirocinio guardando, con quattro o sei occhi, come si faceva una barba, osservando minuziosamente come il rasoio saliva e scendeva sul volto del cliente, come sfiorava (per non dire “baciava”) la delicata pelle del cliente, come evitava ogni minimo ostacolo… una sola goccia di sangue o una piccola scalfitura sul volto del cliente erano decisamente imperdonabili per quei tempi.
Poi si passava all’insaponatura del volto e solo dopo tantissimo tempo si dava finalmente in mano al ragazzo il famoso “rasoio a mano libera”.
I maestri barbiere (più o meno ostentatamente) erano alquanto severi nei confronti dei propri discepoli, e dagli stessi pretendevano il massimo della correttezza e dell’educazione: il salone dei barbieri di San Fili erano una vera e propria scuola di comportamento.
Il ragazzo entrando nel salone aveva l’obbligo di salutare e di non mostrare atteggiamenti lesivi alla propria immagine di persona retta e corretta: chi dimenticava di salutare era pregato di uscire fuori dal salone, rientrare e salutare così come avrebbe dovuto fare fin dall’inizio… e guai a chi non salutava correttamente il cliente!
Qualsiasi rifiuto a tali regole poteva significare ritornarsene a casa e non rientrare più in quel salone.
*     *     *
I barbieri… di San Fili (3).
 
I saloni dei barbieri di San Fili, fino agli anni sessanta inoltrati, erano, di fatto un’eccellente scuola di comportamento: anche e soprattutto per questo i genitori erano felici se qualche “maestro barbiere” prendesse i propri figlioli “a scuola” nel proprio salone.
Mille ed una erano le raccomandazioni che facevano i “maestri barbieri” ai propri allievi quando mandavano gli stessi in qualche abitazione del paese a fare qualche servizio: siate ossequiosi, non fatemi fare brutta figura, non toccate niente, mi raccomando il saluto e via dicendo.
Un ottimo insegnante sembra sia stato, a detta di chi l’ha conosciuto, “mastru Sarvature Ruffolo”.
Di “mastru Sarvature Ruffolo” si racconta che lo stesso per mettere alla prova l’onesta dei propri allievi, usasse mettere agli angoli del salone qualche monetina (stiamo parlando di tempi in cui le monete era difficile persino vederle in televisione… anche perché la televisione in Italia, e quindi a San Fili, faceva la propria comparsa proprio in quei tempi).
Trovandosi in un momento in cui nel salone non c’erano clienti, invitava qualcuno dei suoi allievi a dare “na bella scupata ‘nterra” e quindi faceva finta di addormentarsi su qualche sedia del salone.
Cosa avrebbe fatto il ragazzo nel momento in cui trovava le monete per terra? … l’avrebbe presa e consegnata al maestro o se la sarebbe messa in tasca?
Teniamo a sottolineare che a quei tempi gli allievi non venivano certamente pagati, se non con l’arte che veniva loro insegnata!
Erano quelli, appunto, altri tempi: tempi in cui di monete in circolazione se ne vedevano ben poche e ciò, spesso e volentieri, non solo per gli allievi ma anche e soprattutto per gli stessi maestri.
I barbieri, infatti (malgrado siamo in un periodo che la popolazione sanfilese sfiorasse le cinquemila unità),  non raramente vedevano pagata la loro opera non con soldi ma in natura… e siccome la fame imperava, un paio d’uova, un chilo di farina ed un po’ di patate comunque non erano da biasimare.
Si racconta che qualche signora andasse a prendere qualche chilo di pasta a credito (erano i tempi della “libretta”) per pagare il barbiere per i capelli fatti ai propri figlioli. In periodi di carestia, può sembrare strano, ma a stare meno male, di fatto, non è chi sta nei centri abitati a lavorare da artigiano o a giornata, bensì chi sta in campagna… considerato che almeno qualcosa sotto i denti la mette.
Non mancavano in quegli anni di stenti anche le magri che per risparmiare qualche lira tagliavano direttamente loro i capelli ai propri figlioli.
Alcuni barbieri di San Fili,. In quei magri anni, non raramente per racimolare qualcosa in più andavano a fare il giro delle campagne e tanti altri si avventuravano persino nella vicina Falconara a fare qualche taglio di capelli.
Devo dire inoltre che personalmente ho conosciuto i figli di “mastru Sarvature Ruffolo” Aldo, Carmine e la figlia Maria. Tutti e tre noti per la loro squisitezza di modi, educazione, intelligenza, amore per il paese che ha dato loro i natali e lo spirito spirito altruistico a tutta la comunità sanfilese… buon sangue non mente! … della signora Maria sono stato alunno per i cinque  delle elementari: devo a lei il 50 per cento della mia preparazione, anche se ancora avverto il dolore sulle mani di qualche staffilata ricevuta in più.
Ieri come oggi, comunque, il salone del barbiere a San Fili non è solo un luogo dove semplicemente ci si taglia la barba o i capelli, ma è innanzitutto un luogo di ritrovo tra amici che vogliono scambiare qualche parola di sport, politica e anche cultura.
Personalmente non posso negare che non mi dispiace a volte avvicinarmi al salone di mastru Francu Napolitano ad ascoltare quanto si dice tra i suoi affezionati frequentatori… e in quel punto che ancora oggi posso godere di un po’ della veracità dei miei amati odiati compaesani.
… e poi in quel salone non raramente si può apprezzare l’ottima chitarra di mastro Franco, di Eliuzzu Satinu, il magico mandolino di Giorgino Curatolo e la stupenda voce del nostro sempreverde Mario Oliva.
*     *     *
I barbieri… di San Fili (4).
 
Indubbiamente San Fili e i sanfilesi, come il resto del mondo, fino agli anni sessanta inoltrati, economicamente non se la passavano certamente bene ed anche chi aveva un mestiere, una professione o un’arte in mano non era esente da tale problema.
Alcuni barbieri di San Fili sia per arrotondare le loro entrate, facendo concorrenza ai dottori del paese (e, sembra,  facendo pagare qualcosa in meno di questi... dicono le solite malelingue) avevano attrezzato il proprio salone anche per la professione di cavadenti. Era questo, ad esempio, il caso del grande mastru Sarvature Ruffolo, preferito dai sanfilesi, si dice, allo studio del dottore Adolfo Mauro per quanto riguarda il costo dell'estrazione, ma tra l'altro consigliato ai propri pazienti dallo stesso dottore Giuseppe Crispini (il quale sembra non praticasse con piacere tale operazione nel proprio studio).
... e si racconta pure che lo stesso Marsico, successivamente dentista di una certa notorietà, subì... le pinze del bravo mastru Sarvature Ruffolo.
Una vera e propria operazione, questa, consistente nello scarnare il dente e quindi estrarlo con una apposita pinza. A questo punto provate un po’ a considerare il tutto nell’ottica che all’epoca non si sapeva neanche cosa fosse  l’anestetico, oggi che ci facciamo fare l’anestesia locale  anche per toglierci una spina di rose piantata in un dito.
Mastru Sarvature Ruffolo (nato il 1899 e morto il 1976) a soli quattordici anni era partito a Napoli a frequentare un corso di sei mesi per imparare quella professione che tanto tempo dopo necessiterà, oltre alla professionalità, un diploma di laurea: il dentista. A Napoli però resterà ben poco (circa due mesi) in quanto sarà richiamato dal padre al paese.
Il padre, infatti, aveva paura di quel che si diceva circa quanto a tempi brevi stesse per accadere in Europa: siamo di fatto, alle soglie della prima guerra mondiale.
Al paese il padre, quasi ad ripagarlo del forzato rientro, gli aprirà un salone di barbiere (in una stanza a piano strada del palazzo ancora oggi conosciuto da tanti come il "Palazzo di Donna Vienna Gentile").  
Mastru Sarvature Ruffolo, comunque, c’è da dire che seppure è stato l’ultimo “barbiere cavadenti” di San Fili, certamente non è stato il primo e come tale non era l’eccezione bensì la regola. Nel libro del prof. Francesco  Cesario “San Fili nel tempo” al paragrafo “calzolai e barbieri” infatti leggiamo:
I barbieri erano abili, oltre che nel loro mestiere, anche nel cavare i denti ed applicare le sanguisughe (sanguette)  per abbassare la pressione sanguigna. Mastro Paolo Caruso, dalla solenne barba bianca e mastro Achille Salerno,  anch’egli grigio barbuto, ostentavano la loro valentia esponendo ogni mattina all’ingresso della bottega, accanto al  piatto ovale di ottone - emblema dei barbieri - un capace vaso di vetro contenente le centinaia di denti cavati”  siamo agli inizi del 1900, e questo era un modo come un altro per attirare clienti.
*     *     *
Finora, caro lettore, in quella che sembrava una semplice passeggiata nei mestieri dei nostri avi e nell’arte dei barbieri di San Fili, in parte volutamente (non bisogna dimenticare che la mia fonte principale, per quanto riguarda le notizie, è la memoria dei nostri anziani), in parte perché preso il lavoro un pochino alla leggera, è stata fatta qualche briciola di confusione in merito ai periodi in cui doveva essere inquadrato un determinato nome di barbiere del paese o la stessa professione da questi praticata: dopotutto fare lo storico non la professione di chi scrive su queste pagine, visto che scrive per semplice hobby e… paga, con la moneta del piacere di scrivere, per essere letto.
In effetti sarebbe stato giusto parlare de “i barbieri di San Fili” inquadrandoli nel periodo ante guerra 1915-1918, nel periodo dell’era fascista (1920-1945), nel periodo post seconda guerra mondiale, nel periodo del boom economico italiano (anni sessanta), fino ad arrivare al periodo compreso tra il 1970 ed oggi. In tali periodi, infatti, il mestiere del barbiere a San Fili non solo ha subito forti modifiche per quanto riguarda il mestiere stesso, ma ha subito forti modifiche anche dal punto di vista del ceto economico sociale da cui vengono reclutate le nuove leve (ossia i discepoli dei mastri barbieri).
Essendo questo però un concetto di una certa importanza (anche per le altre arti e mestieri praticati nei vari periodi nel nostro paese) è giusto che rinviamo il discorso a qualche altra puntata.
*     *     *
I barbieri… di San Fili (5).
 
Figure caratteristiche, in ogni tempo, quelle dei barbieri sanfilesi, così come caratteristico, diciamolo pure, dopotutto è ogni sanfilese (importato e non). Ognuno con le sue convinzioni, ognuno con le sue fisime e peculiarità. Si racconta di un barbiere di tanti e tanti anni fa, un certo “mastr’Achille” (presumibilmente il “cavadenti” ricordato dal prof. Francesco Cesario nel suo libro “San Fili nel tempo”), che s’irritava facilmente se a qualche cliente capitasse d’addormentarsi mentre lui gli faceva la barba o i capelli.
Si racconta ancora oggi d’un cliente di mastr’Achille che si svegliò. col viso ancora mezzo insaponato alle storiche imprecazioni del barbiere il quale brandendo minaccioso l’affilato rasoio urlava verso il malcapitato: “… e su’nna  finisci mo’ de runcigliare, ti fazzu dorme io na vota ‘ppe sempre!”.
Erano anni, quelli del dopoguerra, tutti particolari, quando anche nei saloni di barbiere di San Fili s’iniziavano a vedere le prime poltrone meccaniche di metallo della famosa fabbrica siciliana “la Scuderi”. Prima di queste poltrone, le stesse, pur avendo all’incirca le identiche funzioni, erano realizzate (per quanto riguarda lo scheletro) in legno.
Oggi le une e le altre, nei saloni che si vanno ad allestire le giovani leve, vengono sostituite da normali poltroncine (o semplici sgabelli) e a differenza di quei tempi, quando sedendosi su una di queste poltrone non ci si alzava più se prima non si era fatto barba, shampoo e capelli, ai giorni nostri dal “coiffeur” (anche la parola “barbiere” è stata pensionata) esiste la zona lavaggio capelli, la zona taglio ed asciugatura e via dicendo.
In poche parole oggi il cliente, entrando nel salone, viene sbattuto da un angolo all’altro dello stesso e spesso stenta a capire quello che i vari addetti ai lavori gli dicono.
… e quanto era bello quel tempo in cui ci si sedeva sulla sedia ed il barbiere iniziava a tagliarti i capelli senza chiederti “come li facciamo?”: all’epoca esisteva quasi esclusivamente il taglio “spazzola” ovvero “all’umberto”. Oggi quanto ti pongono questa domanda, finisci per vergognarti persino di dire il nome del taglio in modo sbagliato, quando non dai delle indicazioni di difficile comprendonio e finisci quasi sempre o per dire la solita stupidità (… corti e tutti dietro?) o per dire al mastro barbiere (che spesso e volentieri tale non è - parlo delle nuove leve e non certamente delle nostre impareggiabili storiche forbici sanfilesi)… “fate un po’ voi… purché… !”.
Erano altri tempi quelli, erano i tempi in cui esistevano nei saloni dei mastri barbieri di San Fili persino i “clienti abbonati”, ossia quei clienti “affezionati” che si mettevano d’accordo col barbiere (in cambio d’uno sconticino sul servizio) per farsi tagliare la barba due o tre volte regolarmente a settimana, i capelli una volta al mese e così via.
Luoghi soprattutto, ed in ogni tempo, di ritrovo, i saloni dei barbieri di San Fili: ognuno con le sue caratteristiche, la sua “selezionata clientela” e le sue peculiarità. In alcuni casi vere e proprie sezioni politiche (scherzosamente parlando) tanto che persino oggi il salone di mastru Franco Napolitano viene additato come uno dei luoghi principali di ritrovo dei “rossi”; quello del compianto e simpatico Martino Lombardo, per la sua indiscutibile fede politica, era familiare ai “neri” (si dice che nel salone conservasse, opportunamente celata agli occhi dei più, una foto del Duce) e, andando più a ritroso, il salone di Oscarino Cosenza (maestro del Martino, che ne sarà di fatto l’erede) per quanto riguarda i repubblicani.
Nel salone di Salvatore Ruffolo (siamo intorno al 1935) un’orchestrina composta da amici ogni sera teneva il suo piccolo concerto.
Quasi tutti i saloni dei barbiere di San Fili, e negli anni non sono stati certamente pochi, avevano sede  nel tratto di corso XX Settembre compreso tra il bar di Cenzino Passarelli e quello di Gigetto Sammarco. Era in questo tratto, dopotutto, che in quest’ultimo secolo si svolse la stessa vita della comunità sanfilese.
*     *     *
I barbieri… di San Fili. (6)
 
Il problema del barbiere, ovvero del parrucchiere, inutile dirlo che a quei tempi per le donne a San Fili non esisteva. Tutte le donne si crescevano i capelli e tutte le donne li raccoglievano “a tuppu” sulla testa. Si faceva semplicemente, di tanto in tanto, una leggera spuntatina ai capelli direttamente in casa. I capelli all’epoca erano anche e soprattutto un buon investimento per le donne del nostro paese (inutile dire che la mia è una storia popolare e come tale si rivolge alla generalità delle persone e non ai singoli casi quali possono essere nobildonne e similari).
I capelli che venivano raccolti con la pettinatura, infatti, venivano conservati in attesa che per le vie ed i vicoli del nostro paesino non si sentisse la voce dello storico e ormai dimenticato “capiddraru”.
U capiddraru” era un “ambulante” che in cambio di una matassa di capelli, a seconda della grandezza della stessa, dava, alle nostre madri o alle nostre nonne, aghi, spingole e, se la matassa era abbastanza grande, persino qualche pettine.
I capelli raccolti de “u capiddraru” venivano commercializzati nella città e con gli stessi, sembra, vi venivano ricavate delle parrucche.
Si era agli inizi degli anni settanta e chi scrive si sentiva dire spesso (il tempo tra una ritoccatina e l’altra dei capelli passava decisamente in fretta) dalla madre: “se vai a tagliarti i capelli, ci sono cento lire anche per te!”.
Dire all’epoca quanto costasse un taglio di capelli (oggi che si va dalle diecimila alle quindicimila per i tagli più economici) non è per niente facile: cento lire comunque erano una bella sommetta per un ragazzino di dieci anni. Per entrare al locale cinema si pagava 150 lire ed una partita a calcio balilla (ai bar di Cenzino Passarelli e Teresa Scarpelli o nel circolo juventino dei veraci Romano e Franco Zuccarelli) costava dalle venti alle venticinque lire.
Diversa era la frase che veniva detta  “aru mastru varviere”: “Mastru Maru’, no’ caerusati… ma na bella accurciata facimuccela”!
Il taglio era, per noi ragazzini, regolarmente all’umberto (sfumati dietro e a spazzola davanti): erano poche le famiglie che facevano tagliare a zero i capelli ai propri figlioli o che glieli facessero tenere a caschetto. In questi tre modi di tagliare i capelli potevamo benissimo distinguere i tre ceti economici (spesso anche culturali) presenti nel paese: i ricchi (a caschetto), i meno poveri (all’umberto) e i poveri (a zero). A zero venivano tagliati, spesso per necessità igieniche, anche i capelli di ragazzini che abitavano nelle campagne.
Negli anni settanta, ma ciò solo per chi aveva una certa età, s’iniziò a parlare a San Fili anche del taglio alla “napoleone” (lunghi dietro e corti davanti) e dei famigerati (per l’epoca) capelloni.
Per quel che ricordo, il primo a tagliarmi i capelli fu Mario Storino (che aveva il salone di fronte il bar Sammarco), successivamente passai sotto le forbici di  Veruzzu (Marino Saverio) che operava nel salone che fu di Salvatore Ruffolo, ed infine di Pasquale Carpanzano, successore di Martino Lombardo.
In questa ricerca popolare sui barbieri sanfilesi che nel ventesimo secolo hanno avuto il loro salone a San Fili, qualche nome sarà scappato (uno fra tutti quello del bravo Piero Tenuta), ma non per colpa, completa, di chi scrive… non rientravano in un’epoca di ricordi… una stupenda epoca che non ritornerà, purtroppo, mai più sui suoi passi!
Uno sistema fiscale sempre più a servizio di chi economicamente sta meglio degli altri (anche nel commercio), la diffusione capillare dell’automobile (che ha convinto, per vari motivi, molti compaesani ad andare a farsi tagliare i capelli da barbieri dei comuni confinanti), la diminuzione demografica della popolazione sanfilese, la messa in commercio delle macchinette elettriche (di facile uso ed alla portata di tutti), gli enormi costi di gestione di un salone (fitto, luce, ragioniere per la contabilità, acqua ecc.) ed in parte, diciamolo pure, l’ignoranza (ma anche il poco coraggio) sulle opportunità che lo stato offre agli artigiani che riescano a garantire determinati requisiti (che non è solo il riuscire a prendere la luna nel pozzo, ma spesso e volentieri semplicemente il “rispettare le regole”)… hanno fatto in modo che il mestiere di barbiere, tra i sanfilesi, venisse quasi definitivamente perduto.
*     *     *
I barbieri… di San Fili (7).
 
Oggi, per come li abbiamo conosciuti quelli della mia generazione, i barbieri (di San Fili e non) non sono più quelli di una volta. Con tale affermazione, ben me ne guardo e spero di non essere (come al solito) frainteso, non voglio dire che non siano più bravi come quelli dei tempi che furono: inutile, infatti, citare il detto che “il discepolo supera sempre il maestro”, ma non posso certamente negare che più di una cosa, in questo mestiere, nel corso degli anni sia drasticamente cambiato (e continui a cambiare tutt’oggi).
E’ cambiata la clientela: certamente più “popolana” (segno che i tempi nostri, per un certo verso, sono migliori dei tempi che furono) di quella che frequentava i saloni dei barbieri sanfilesi degli inizi del 1900. A quei tempi, infatti, il popolino più che con la barba o con i propri capelli era costretto a combattere col quotidiano problema del pane da mettere sotto i denti.
In tal modo, quasi a far da specchio a Figaro’, il famoso “Barbiere di Siviglia”, a frequentare il “laboratorio d’arte” dei vari mastru Sarvature Ruffolo ed Oscarino Cosenza, troviamo una clientela più che altro benestante, titolata o quantomeno legittimata nel nobiliare “don, donnu” e via discorrendo. La stessa apertura di una salone, a dir poco costosa, era limitata a membri di famiglie, per l’epoca, più o meno benestanti e come tale era considerato un mestiere per gente di un certo ceto socio economico.
Stiamo parlando di un periodo storico in cui a San Fili, come nel resto d’Italia, non era certo considerata una vergogna ritrovare persino il barone Amedeo Miceli a servire i sanfilesi nella farmacia gestita dallo stesso… e pertanto (malgrado all’epoca per fare il farmacista bastava un patentino e non una laurea) la professione del farmacista veniva negata alla gente che, spesso e volentieri più intelligente di alcuni sapientoni dell’epoca, trovava i propri natali in famiglie appartenenti  a ceti “inferiori”.
Il popolino (prettamente rurale) in tale ottica, dal canto suo, finiva per frequentare il salone dei barbieri di San Fili più per farsi cavare qualche dente che per farsi curare l’estetica. Per quanto riguarda l’insegnamento del mestiere alle nuove leve, i genitori di questi ultimi dovevano persino pagare il “maestro” che prendeva a lezione i propri figlioli (i garzoni del salone).
Passa qualche anno (siamo intorno al 1910) e per San Fili e i sanfilesi qualcosa inizia a cambiare: viene ad alimentare nuova gente il nostro già rigonfio alveare (non era difficile trovare ad abitare all’epoca in una sola stanza sette o otto persone) grazie ai lavori della costruenda tratta ferroviaria Cosenza Paola; rientrano i primi emigranti… in poche parole inizia a circolare più danaro liquido e s’inizia a mettere quasi definitivamente da parte il libero scambio del baratto.
I mestieri, in tale concetto, iniziano ad aprirsi a quei ceti economico sociali finora lasciati ai margini dell’intera società (nelle campagne si lavorava a terzadria, ossia due parti al padrone ed una al lavorante, a volte anche a meno di questa) e contemporaneamente tante arti e mestieri a San Fili finivano per scomparire nell’arco di pochi anni.(vedasi il caso, ad esempio, dei locali, famosi ed impareggiabili, costruttori di campane: gli Apuzzo).
… e qualcosa cambia ulteriormente con l’avvento dell’era fascista (siamo intorno al 1920) non perché l’avvento dell’era fascista sarà tutta rose e fiori (anche se oggi in tanti la stanno rivalutando), ma, dando a Cesare quel che è di Cesare, qualcosa di buono comunque l’aveva fatto: aveva istituito il famoso “sabato fascista” e imposto, non solo sulla carta, l’obbligo scolastico (anche se non sempre gli alunni superavano la terza elementare… che comunque valeva quanto un secondo superiore di oggi)!
… aveva, cioè, costretto persino i “cafoni” e i “villici” (così erano chiamati all’epoca i contadini) a partecipare a forme di aggregazione sociali (seppure con finalità legate all’ideologia imposta dal regime). In tale modo, volenti o nolenti, lo scambio di opinioni avrebbe finito per porre un’ulteriore pietra sul pensionamento del feudalesimo locale. E ridicolo pensare che alle soglie del duemila, in piena democrazia, a San Fili, in questi ultimi anni si stia facendo esattamente il contrario: lavorare scrupolosamente affinché la gente non si aggreghi e quindi non parli “dei veri problemi”: alcuni baroni, i nuovi baroni, (e non mi riferisco ai Miceli o ai Vercillo, veri signori e non dei semplici “poveri arricchitisi”) si stanno finemente organizzando!   
*     *     *
I barbieri… di San Fili (8).
 
Già tra gli anni quaranta e cinquanta (periodo in cui entrare in un salone per barbiere faceva quasi soggezione, al popolino, per la bellezza in cui ci si addentrava, il mestiere del barbiere (… l’artigianato locale in generale) s’iniziava a vedere non più come un qualcosa di superiore (… il servizio, spesso anche di confidente, del nobile e dei signori locali) ma come un vero e proprio lavoro e quindi un servizio non sempre piacevole.
Il tempo del “lavoro in quanto missione” era terminato, il piacere del barone che ti pregava di fare un salto al suo palazzo per fargli la barba non apparteneva più ai nostri tempi, la stessa professione “accessoria” di cavadenti doveva essere espletata rispettando alcune regole igienico sanitarie e quindi non era più concepibile praticarla all’interno di un salone per barbieri.
Il dio denaro (espresso spesso e volentieri in dollari americani), ancor prima della seconda guerra mondiale, stava prendendo il sopravvento e nessuno poteva negare anche ad alcuni figli di “cafoni” e “villici” il piacere di farsi tagliare i capelli dalle mani d’oro dei barbieri di San Fili… e ciò fece anche in modo che non solo gli appartenenti ad un ceto socio economico medio alto intraprendessero tale mestiere ma anche semplice gente del popolo.
Aumentavano i clienti, aumentava il liquido, aumentavano le esigenze dei singoli soggetti appartenenti ad una comunità e, conseguentemente, non poteva che aumentare anche la domanda di persone che facessero tale mestiere.
In quegli anni, iniziando a diminuire le braccia nelle campagne, nascevano come funghi, per corso XX Settembre, botteghe di falegnami, saloni di barbieri, negozi di alimentari, macellerie e chi più ne ha più ne metta.
L’enorme e più che giusta offerta di servizio, nel giro di pochi anni avrebbe finito per superare la domanda di un tale servizio: negli anni sessanta, infatti, in pieno boom economico italiano i barbieri operanti sul territorio di San Fili, iniziano a sentire la crisi del settore. Il nostro paese dai circa cinquemila abitanti registrati negli anni quaranta e cinquanta, scendeva drasticamente verso le tremila unità. Se prima era quasi impossibile emigrare in quanto era difficile comprarsi il biglietto della nave, oggi i pochi fortunati dei primi tempi richiamavano all’estero i propri congiunti e parenti pagando agli stessi il biglietto del viaggio.
Parlando con mastru Franco Napolitano, quando intrapresi l’avventura di questa ricerca popolare sui barbieri di San Fili, questi mi disse tra l’altro che loro (e non solo loro a San Fili), in quei magri anni sessanta, toccarono il settimo cielo quando iniziarono i lavori  della realizzazione della superstrada Cosenza Paola: per la seconda volta nel giro di poco più di cinquant’anni, l’economia sanfilese veniva salvata dalle realizzazione di una linea provinciale di comunicazione (la prima, all’inizio del secolo, fu la tratta ferroviaria),
Bastava una semplice barba o un semplice taglio di capelli ad uno degli operai impiegati in tale opera, per racimolare, in un colpo solo, l’intera entrata di una giornata lavorativa.
In quegli anni, pensando che la storia dovesse durare in eterno, i saloni dei barbieri di San Fili pullulavano di garzoni.
I dipendenti delle ditte di costruzione (una mi sembra si chiamasse “Salci”) per qualche anno si sistemarono nel nostro paese (qualcuno sposò persino qualche nostra compaesana) pagando profumatamente non solo i servizi offerti loro dai locali barbieri, ma anche alloggi e servizi vari. Tutti, nobili e meno nobili, entrarono nel calderone di questo grandissimo giro economico.
Come tutti i giochi belli però, anche questo durò poco. Alla fine degli anni sessanta (il 1968 o il 1969 circa) il più dei lavori della superstrada  Cosenza Paola sono terminati e per risollevare il morale delle tasche degli artigiani locali bisognerà aspettare l’apertura dell’Università della Calabria (dove ben tre barbieri sanfilesi troveranno occupazione… ma non certamente nella professione della loro arte), del Consorzio di Bonifica (l’università dei forestali della provincia) e della stessa “Legnochimica”.
Cambia la società (col proliferare dell’automobile in tanti abbiamo optato per le forbici, e non solo per le forbici, di altri lidi), aumentano le tasse, i costi d’esercizio  e… spariscono i barbieri di San Fili: un’epoca, con l’avvento degli anni ottanta, ha definitivamente calato il sipario ai nostri occhi.
Con questa puntata si conclude la pubblicazione della ricerca popolare sui barbieri di San Fili e non posso fare a meno di ringraziare non solo a quanti hanno collaborato con il sottoscritto per la stesura della stessa, ma anche e soprattutto a te, amico lettore, che hai avuto la costanza (e la pazienza) di continuare a leggermi.
Barbieri a San Fili negli anni Sessanta (1960/1970). Sulla destra... Martino Lombardo. Le foto fanno parte dell'archivio Francesco (Ciccio) Cirillo.
Torna ai contenuti | Torna al menu